Ed eccola la vecchia/nuova bufala dell’estate:

Vuoi trovare lavoro? Impara una nuova lingua.

In 3 mesi. Qualcuno promette addirittura in 1 mese. In modo facile e divertente!

Basta usare i metodi “innovativi” per studiare a memoria 3000 vocaboli, la pronuncia perfetta, cucirli insieme con un po’ di grammatica e… il gioco è fatto!

Avrai 8 proposte di lavoro, leggerai libri e blog, vedrai le serie tv e i film in lingua originale, parlerai bene all’estero e ti ci fidanzerai persino!

SEEE!

Baaasta! Con questa storia delle tecniche di memoria che servono per tutto non se ne può più!

Brutte notizie:

3000 vocaboli, combinati insieme nel modo in cui li combina un inglese, danno circa 148000 combinazioni. Tutte da saper usare.

Memorizzare parole e frasi, come fossero una poesia, non è sufficiente.

Ragionano come se noi, per parlare in Italiano, usassimo delle frasi pronte, sempre quelle.

Vediamo se funziona:

Studiare = to study

Memoria = memory

fare = make

schifo = skiff

quindi:

To study at memory makes skiff

Giusto?

NO!

Quella frase non significa niente. E’ piena di errori.

Proprio quelli che farebbe uno studente che crede di poter parlare una lingua studiando da una parte i termini e dall’altra la grammatica.

Invece la frase corretta è:

Rote learning sucks

Imparare l’inglese non è così gratis come sembra

Prova a chiedere a qualcuno che parla una lingua straniera… se basta conoscere i vocaboli!

– Infatti avrai visto chele App sembrano funzionare all’inizio, ma poi è una grande delusione quando non riesci ad andare avanti più di tanto e ti fermi alle frasi base

– Allo stesso modo, avrai magari già sperimentato che le chat funzionano solo se sai già parlare, altrimenti non ti considera nessuno

– La pronuncia dell’inglese NON si impara in un mese, ma ci vogliono anni di studio oppure diverse settimane all’estero.

Ma nooo ti dicono, questo corso non ti serve per parlare come un madrelingua! Serve per imparare le “basi della comunicazione”, per imparare a parlare nelle situazioni comuni.

Come fanno i bambini.

Peccato che noi siamo adulti:

– il nostro cervello è già sviluppato e diverso da quello dei bambini

– gli altri adulti non sono pazienti con noi come lo sono con i bambini. Se provi a parlare all’estero come farebbe un bambino, NEL MIGLIORE DEI CASI si stufano di aspettare e ascoltarti; nel peggiore, ti ignorano

Insomma imparare l’inglese gratis, come tutte le altre lingue, è difficile per vari motivi, primo tra tutto la mancanza del vocabolario, ma anche la grammatica e il modo che ha un madrelingua di combinare parole e grammatica in modo creativo e sempre nuovo.

I corsi e i libri che promettono cose impossibili, promettono semplicemente bugie.

In pratica non usiamo la lingua inglese, ad esempio, nella nostra vita quotidiana, perciò una volta appreso un qualunque termine (durante una lezione privata, a scuola, su un libro, durante un corso o un’App, ecc.) lo dimentichiamo molto velocemente perché il cervello non lo reputa fondamentale per il nostro quotidiano.

Credo che il fatto di non ricordare i termini che avevamo ripetuto dieci volte come pappagalli, sia una delle cose più frustranti, soprattutto se succede quando veramente ci servono.

Così oggi ti racconto come si fa a imparare l’inglese gratis e senza studiare.

Imparare l’inglese gratis studiando vocaboli in pochi secondi

Dopo aver letto alcuni miei articoli, molti studenti mi hanno fatto una domanda:

Ok, i corsi “miracolosi” non funzionano, ma se volessi studiare almeno le parole nuove? Come faccio a studiare termini come embedded o context aware?

Per questo motivo ho deciso di scrivere subito questo articolo su come imparare vocaboli in inglese (tuttavia la tecnica presentata qui è perfetta per qualsiasi lingua, provare per credere.)

Cosa fai di solito quando vuoi ricordare una parola di una lingua straniera? Aspetti di incontrarla tante volte finché non ti entra in testa? La scrivi decine di volte sperando che questo ti aiuti a memorizzarla e averla a portata di mano quando ti servirà? Oppure ti affidi ai noiosi libri di testo o di esercizi, che tutto fanno fuorché aiutarti a ricordare le parole che ti servono?

Stai per scoprire una tecnica per imparare vocaboli in inglese a una velocità impressionante, ricordandoli a lungo e senza alcuno sforzo.

Prima di tutto procurati una lista dei vocaboli inglesi più usati. Scegli di partire dai più frequenti.

Iniziamo scegliendo a caso delle parole tutt’altro che facili. Se hai dei suggerimenti, puoi sempre postarli qui sotto nella sezione commenti per vedere insieme come si fa a memorizzarli!

L’ideale è anche sapere come il vocabolo si pronuncia, ti consiglio di usare il sito http://www.wordreference.com

Parole inglesi che diventano… altro

Credo che le tecniche di memoria, che secondo me per studiare non vanno bene, in questo caso invece possono essere molto interessanti.

Dopo aver ascoltato attentamente la pronuncia del termine, si tratta di usare i principi di visualizzazione e associazione tipici delle mnemotecniche.

Questi servono per fare entrare il termine in memoria, dopo qualche giorno non avrai più bisogno dell’associazione e rimarrà solo il termine.

Anziché spiegarti come funzionano, ti faccio subito degli esempi.

poor

(pronuncia: /puur/) = povero

Immagina un barbone, sdraiato sul ciglio della strada, tutto infreddolito, che cerca dei giornali per coprirsi e ripararsi dal gelo. Purtroppo però non trova giornali e viene ricoperto da un grosso quantitativo di puré fumante! Guarda bene il puré, non è mica fatto di patate! E’ fatto di porri, sopra il puré infatti ne metti alcuni per decorazione, interi e giganteschi!

Hai appena imparato sia a scrivere poor, sia a pronunciarlo. Le associazioni che facciamo non devono essere per forza esatte e perfette, ovvero non devono ricordare l’esatta pronuncia e grafia del termine. E’ sufficiente che funzionino come un’amo che tira su il pesce, in questo caso l’informazione che ci serve: lascia che la tua mente faccia ciò che deve da sé. Infatti ora sai che “povero” in inglese si dice … e si scrive … !

sheep 

(pronuncia: /sciip/)= pecora

Una signora sta camminando per la strada quando senti il rombo del motore di uno scooter. A bordo una pecora che, coi peli al vento, scippa abilmente la signora della sua borsa e sfreccia via con un sorriso malefico sul viso!

In inglese “pecora” si dice … e si scrive …!

In questo caso non hai neanche avuto bisogno di creare un’associazione per la grafia esatta della parola. Dentro di te sai che sheep si scrive proprio così e si pronuncia /sciip/, senza possibilità di errore.

match

(/mecch/) = fiammifero

Due pugili si affrontano sul ring durante un incontro (match) di pugilato, ma guarda cosa hanno al posto dei guantoni! Ciascuno ha un paio di enormi fiammiferi incendiati, che bruciano l’avversario quando lo colpiscono!

Avrai notato che la tecnica funziona anche al contrario: puoi decidere di imparare vocaboli in inglese a partire dalla parola italiana oppure dalla parola inglese con la relativa pronuncia. Infatti ora sai che in inglese “fiammifero” si dice … e si scrive … !

E sicuramente ricordi anche il significato di sheep e di poor, che in italiano sono rispettivamente … e … !

Questa tecnica è molto facile da usare anche per chi ha già qualche conoscenza dell’inglese. Proviamo con la prima parola che abbiamo visto oggi, suggeritami da una studentessa su Facebook. La parola era embedded.

embedded

(/enbedid/) = incorporato, incastrato

Forse saprai già che la parola “bed” in inglese significa “letto”, quindi ti verrà immediato immaginare un uomo che passa tantissime ore a letto, dorme proprio della grossa e russa tantissimo, finché il letto stesso non lo ingloba (incorpora) e lui ci rimane incastrato dentro e non riesce più a uscirne! Enbedded!

Regole per fare le cose bene

Per usare questa semplice tecnica devi tenere a mente alcune piccole regole:

  • per trasformare una parola inglese in un’immagine, ripetila ad alta voce e ti verrà subito qualcosa che suona in modo simile in italiano. Non occorre essere super precisi, basta qualcosa di abbastanza simile per ricordare il termine.
  • scegli cose concrete come immagini da visualizzare (meglio un cuore che la parola amore, per esempio).
    scegli parole italiane che suonino in modo molto simile a quelle inglesi.
  • non attardarti troppo su ogni parola: scegli immagine intuitive, se impieghi troppo tempo vuol dire che stai facendo qualcosa male (es. non stai vedendo un’immagine).
  • ripassa le associazioni fatte dopo un paio di giorni e anche dopo una settimana, per avere la sicurezza di averle studiate bene.

Hai notato con quanta velocità è possibile memorizzare i termini inglesi? Immagina di potervi ritagliare 30-45 minuti al giorno, fai calcoli e scoprirai che ti è possibile, con questa tecnica, studiare circa due termini al minuto, dunque migliaia di termini in un solo mese.

Inoltre, li ricorderai a lungo, cosa che non succede “studiando” le parole straniere in modo tradizionale, per esempio con la ripetizione o scrivendole più volte.

Tuttavia, come ho detto decine di volte, una cosa è imparare elementi e informazioni singole, ben altra è imparare i concetti o, relativamente a questo caso, saper parlare una lingua straniera.

Per questo, forse è il caso di dare uno sguardo alla solita pagina:

SISTEMA DI STUDIO MEMOVIA

Chissà che si possa imparare qualcosa senza per forza credere agli asini che volano!

Scrivi qui i tuoi commenti:

commento