Le 5 miracolose abitudini degli studenti in corso

Cosa trovi in questa Mega-Guida

Le abitudini degli studenti che si laureano in corso

Io so che tu hai l’abitudine di fare una cosa che non dovresti fare, e non è un’abitudine degli studenti in corso.

Questa abitudine ti fa perdere un sacco di tempo e ti fa sentire anche un po’ in colpa quando la fai.

Come lo so? Perché ce ne abbiamo tutti qualcuna, e oggi infatti andiamo a vedere le abitudini degli studenti in corso. Un dietro le quinte da non perdere per andare a rubare quelle cose che gli studenti in corso, gli studenti di successo, riescono a fare e fanno abitualmente e che gli garantiscono dei risultati e appunto di finire l’università in corso, anche se studiano e lavorano.

Abitudini degli studenti in corso: cosa c’è di vero

Quando si parla di abitudini ci si riferisce spesso alle persone di
successo, quelli che guadagnano un sacco di soldi o che hanno creato enormi aziende. Raramente si parla delle abitudini degli studenti che ce la fanno.

E poi intorno alle abitudini ruotano tutta una serie di miti che per la
maggior parte non sono veri, oppure quelle abitudini non sono veramente coinvolte e quindi responsabili del successo di quella persona famosa, e quindi non risolvono il problema in modo facile e veloce come noi abbiamo bisogno.

E’ possibile una soluzione?

Sì, e dovrai innanzitutto capire che cosa ti sta succedendo, quali sono le abitudini disfunzionali che hai dato per scontate nella tua vita e poi come rimetterti in moto costruendo delle nuove competenze e nuove abitudini che non saranno mai obsolete, non passeranno mai di moda, ti accompagneranno per tutta la vita e ti daranno i loro frutti e loro vantaggi per tutti gli anni a venire.

Le abitudini degli studenti FUORI corso

Per primi vediamo gli indici che stai facendo qualcosa di sbagliato. Se quando ti metti davanti al libro:

  • leggi ma non capisci e la tua mente vaga
  • sai esattamente come dovresti studiare o quanto dovresti studiare ma non lo fai
  • ti viene l’ansia la paura la demotivazione e la frustrazione
  • ti senti molto stanco o molto stanca quando inizi a studiare o quando vai a
    lavoro e ti metti i dubbi come dicevamo prima se hai fatto la scelta giusta e se sei in grado di portarla avanti

Allora è probabile che tu negli anni abbia preso delle abitudini che ormai dai per scontate. Alcune sono buone e altre sono riconosciute come meno buone.

Quelle buone o valutate erroneamente come buone sono molto difficili da cambiare perché le hai sperimentate in passato e credi però che ancora ti possano dare risultati, anche adesso quando la tua situazione di studio di lavoro è cambiata perché sei più grande o perché hai meno tempo.

Esami da incubo Il tuo metodo di studio è frustrante, lento e non ti dà sicurezza?
Non mollare... Abbiamo l'Ebook, video, Podcast e infografiche:

Inserisci qui la tua mail preferita per avere accesso immediato alla tua copia Omaggio dell'Ebook "I 3 Mostri da Uccidere all'Esame":

SICURO. Il link con l'accesso all'Ebook e al Gruppo Privato verrà inviato subito alla tua email. Riceverai contenuti di valore ogni settimana, sempre gratis. Niente mail ogni giorno (inutili) e countdown per venderti corsi a pagamento. Zero Spam.

Alcune abitudini invece sono ufficialmente riconosciute come cattive e possono essere sia facili da cambiare (per esempio studiare sul divano o sdraiati sul letto non è una buona idea perché ti addormenti)… altre però possono essere molto difficili da cambiare proprio perché non siamo bravi a individuarle.

Esempi tratti dall’esperienza degli Allievi MemoVia:

  • studiare la mattina mi fa bene? No mi mette l’ansia
  • Studiare la sera mi fa bene? No, probabilmente non ce la faccio dopo una giornata di lavoro, ho troppa stanchezza accumulata

Quindi quando studio? Dobbiamo studiare in un altro orario!

Tra le abitudini degli studenti di successo, o farei meglio a dire fra le abitudini degli studenti in corso, ce ne sono alcune molto specifiche.

Di abitudini “buone” ce ne sono decine e ciascuno ha le sue, come dimostra questa infografica.

Di queste, in particolare 5 abitudini degli studenti in corso sono davvero determinanti.

1 di 5 abitudini degli studenti in corso: l’agenda

La prima: tengono sempre un’agenda o un calendario.

Guardati intorno, chiedilo a qualcuno, quando riconosci che una studentessa o uno studente è molto bravo in quello che fa, passa gli esami senza grandi problemi, chiedi se ha un’agenda e scoprirai che ce l’ha quasi sicuramente.

Cosa fa con quell’agenda?

Di solito ci scrive gli appuntamenti chiaro, però ci scrive anche le cose che vuole fare la mattina decidendo che cosa fare ogni santa mattina o la sera prima. E li organizza in ordine di priorità e di intensità e cerca di fare tutte le cose prioritarie o che richiedono più impegno mentale all’inizio della giornata (non necessariamente la mattina però durante le prime ore della giornata).

2 di 5 abitudini degli studenti in corso: intensità e priorità

Secondo: uno studente che riesce a rimanere in corso in genere non si forza
a studiare.

Certo fa leva talvolta sulla sua forza di volontà però sa che la forza di volontà è limitata e che invece deve basarsi appunto su queste abitudini che ha accumulato negli anni per fare meno uso possibile della forza di volontà. Perché fa in automatico quando deve studiare sa che a quell’ora si studia e non deve sforzarsi a farlo.

Quando sente che si sta forzando pensa se può fare qualcos’altro, generalmente interrompe, si prende una pausa e fa altro, torna sul libro esclusivamente quando se la sente, come dico sempre quando la finestra di apprendimento è attiva, cioè quando si sente più recettivo a quello che studierà.

In quel momento farà molto di più molto meno tempo e quindi anche i sensi di colpa per aver preso quella lunga pausa anche di una-due ore svaniscono.

L’indicazione è: quando non hai voglia se puoi interrompi e fai qualcos’altro.

Puoi fare qualcosa di buono in quel momento, che ti richiede meno energia, torniamo ai compiti ad alta e bassa intensità.

Se per un compito ad alta intensità tu hai il rifiuto e non ce la fai a farlo, vira verso un compito a bassa intensità, cioè un compito meccanico: trascrivere degli appunti è un compito a bassa intensità, studiare sul libro, cercare di memorizzare tutto lo scibile umano è un compito ad alta intensità.

Probabilmente quando non te la senti, non hai le energie, la voglia per fare il compito ad alta intensità, devi fare prima uno di quelli a bassa intensità.

Rimanderai quelli più impegnativi a più tardi senza sentirti troppo in colpa.

3 di 5 abitudini degli studenti in corso: le sfide

Altra abitudine fantastica degli studenti in gamba, che riescono a sostenere gli esami e anche a rimanere in corso: si forzano un po’ a fare le cose esclusivamente come sfida.

Quindi contano alla rovescia quando sentono che stanno per procrastinare.

Nota: non abbiamo più detto che non hanno la voglia il tempo, le energie per fare un compito ad alta intensità, ho detto che non ce la fanno perché stanno procrastinando.

Quindi capiscono che non ne hanno voglia, che stanno semplicemente procrastinando per pigrizia, e allora a quel punto sono in grado di riconoscere che stanno procrastinando e dicono qualcosa del genere:

Conto indietro da 60 a 1 e lo faccio entro questo minuto

Allora iniziano a farlo e il fatto di iniziare a studiare entro il minuto
li motiva perché dicono

Ormai ho iniziato, continuo a farlo

e continuano e finiscono magari il paragrafo, il capitolo. Questo li motiva ad andare avanti e dopo una-due ore di studio si sentono talmente in flusso che non si rendono neanche conto di aver studiato per le ultime due ore.

E pensa che all’inizio stavano procrastinando!

Questa regola del minuto è una sfida. Prima inizi prima finisci. Prova e vedrai che funziona.

4 di 5 abitudini degli studenti in corso: le anti-tecniche

Altra mega abitudine molto intelligente: evitano tecniche veloci e facili.

E’ come dire che non prendono per esempio quella tecnica dell’impegno pubblico per dire che

Ok mi sono impegnato pubblicamente e quindi devo farlo per forza, ho detto a tutti che avrei sostenuto l’esame il 14 marzo e quindi devo farlo per forza

Non lo fanno non si affidano a queste tecnichette, se le risparmiano. Non solo per evitare lo stigma sociale di quello che dice che dà tutti gli esami della prossima sessione, lo dice a tutti e poi non lo fa. Ma soprattutto perché le riconoscono come idiozie, perché sanno una cosa molto importante e che è una cosa che funziona sempre, perciò fai molta molta attenzione perché è un’altra abitudine.

5 di 5 abitudini degli studenti in corso: la gradualità

Sanno che tutte le abitudini e tutti i cambiamenti devono essere estremamente graduali

Che se sono improvvisi, basati su tecniche fenomenali e strategie, non funzionano. Il cambiamento nell’essere umano è solo graduale perché focalizzarsi sulle soluzioni ai problemi e non sui problemi stessi, perché cambiare individuare le proprie debolezze e cambiarle in positivo e cambiare la propria vita e customizzarla secondo le proprie esigenze, richiede molto tempo e una grande gradualità.

Tra le abitudini degli studenti in corso non c’è spazio per il perfezionismo

Un’altra abitudine molto bella degli studenti di successo è che sono abituati appunto al fallimento.

Cioè non sono perfezionisti, non si mettono degli obiettivi troppo alti e
nel momento in cui si impegnano a studiare per un esame e quell’esame per qualche motivo va male, non ne fanno troppo un cruccio.

Certo si dispiacciono all’inizio, ma poi riprendono a studiare anche se controvoglia e non mettono in discussione tutta la propria vita o tutto il modo di essere perché non hanno superato un esame.

Attenzione a questa indicazione inestimabile, questa perla che stiamo per dirci.

Ti sei messo degli obiettivi troppo alti? Hai deciso che vuoi dare 3-4 esami?
Magari questo non è possibile e hai costruito delle aspettative non chiare o
irrealizzabili sul tuo studio e lavoro contemporaneo, tipo

Si va beh ma riuscirò a laurearmi studiando due ore al giorno tutti i giorni, riesco a dare due esami al mese alla prossima sessione

Probabilmente non ce la fai!

Tra le abitudini degli studenti in corso non c’è il mettersi troppo in discussione

Altra cosa importante che ti consiglio è non metterti troppo in discussione.

Quello di cui stiamo parlando, avere delle difficoltà, una forte demotivazione, tanta stanchezza ti capita spesso o raramente? Se ti capita spesso magari non hai un perché veramente forte per studiare quello che stai studiando, non hai dei buoni motivi, non hai un gruppo di supporto intorno, non hai delle persone che ti dicono

Vai avanti che ce la puoi fare

Chiedi di avere più supporto!

Ma se ti capita di rado è semplicemente un momento naturale di difficoltà da cui non dipenderà tutta la tua carriera universitaria. Cerca di svagarti, cerca il contatto con amici e familiari, cerca di coltivare un po’ di più le tue passioni che nutriranno anche lo studio.

Anche perché questo talvolta sarà una necessità, visto che il tuo partner si arrabbierà moltissimo perché non dedichi abbastanza tempo alla relazione.

Eh ma magari penserai

La mia vita è diversa, io ho troppi impegni, io non posso farlo, io ho troppe difficoltà nel cambiare, io ho troppe cose da fare che mi impediscono di prendermi del tempo per me

Non voglio metterlo in discussione.

Voglio dirti solo una cosa.

Noi vediamo spesso i grandi campioni che raggiungono risultati eccellenti e pensiamo che abbiano avuto la strada spianata fino ad arrivare alla medaglia d’oro, fino a vincere quel campionato, fino a raggiungere quegli enormi risultati.

Ma è veramente così? Magari anche loro nella loro vita si sono bloccati qualche volta ma fermarsi un po’ non vuol dire che si mollerà, non dipenderà tutto da quel blocco.

Anche gli studenti eccellenti, quelli che riescono a laurearsi in corso, hanno dei blocchi. Noi non li vediamo ed è solo questa la differenza. Ma hanno anche un’arma dalla loro parte: le abitudini

Anche se si fermano per un po’ poi hanno le abitudini che li riportano sempre sulla retta via, eroicamente si sanno rialzare e vanno incontro a un futuro molto brillante e all’ammirazione da parte delle persone che hanno intorno, che li guardano appunto come se fossero dei supereroi.

Scrivi qui sotto quali sono le abitudini che riconosci che probabilmente ti
stanno danneggiando e scopriremo insieme se veramente è così e come cambiarle.

Cibo vettore creata da macrovector – it.freepik.com

Fai vedere che ci tieni:
About the author

Inventore del Sistema FNM® - Fenomenologia dei Nuclei in Movimento. Creatore del Metodo di Studio MemoVia®. Inventore di Resilio® - il primo Metodo al Mondo di Allenamento alla Resilienza. Creatore di Innamora® - la Sequenza per la Fascinazione Comunicativa.

Giovanni


Altre Guide da leggere assolutamente:

Lasciami un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}