La mnemotecnica più “convincente”: memorizzare liste ed elenchi

mnemotecnica per memorizzare liste

La mnemotecnica: il metodo per memorizzare velocemente liste ed elenchi

Esiste una mnemotecnica per memorizzare liste, elenchi, avvenimenti e classificazioni.

Sì, ed è quella che usano per far colpo durante le presentazioni ai corsi di memoria. Viene spesso presentata insieme alla mnemotecnica dei loci , che ti ho insegnato in una precedente mega-guida.

Nella mnemotecnica Giordano Bruno era un maestro. Della mnemotecnica Bruno aveva fatto uno stile di vita. Infatti molti chiamano ad esempio la tecnica dei loci Mnemotecnica di Giordano Bruno.

Le mnemotecniche in generale funzionano, per ricordare elenchi e dettagli sono fenomenali. Te le mostrano perché così ti stupisci e compri.

Ti sarà capitato di vedere online qualche video gratuito sul Link Method, fatto per convincerti poi a comprare un corso da 1500 euro sull’arte della memoria. O che ti abbiano volantinato per la strada facendoti vedere come si memorizza un numero o una lista di parole.

E’ il motivo per cui non amo le tecniche di memoria, e le insegno gratuitamente nel Corso Base Gratuito MemoVia.

Sono diventate “tutto marketing” per spingerti poi a usarle sugli esami universitari insieme a qualche metodo miracoloso. A caro prezzo.

Pensa che per imparare queste dannate mnemotecniche ho fatto esercizi assurdi e inutili tipo studiare le fermate della metropolitana.

Le mnemotecniche mi hanno insegnato a memorizzare, e poi…

Ricordo quanto è stato frustrante scoprire che avevano un limite. Soprattutto col metodo dei loci mi sono arrabbiato perché l’ho trovato di difficile applicazione ai libri, come spiego nella relativa mega-guida.

Per evitare che tu ti faccia stupire da qualcosa di tanto facile da imparare, voglio condividere con te questo metodo per memorizzare velocemente le liste. Così eviterai due cose:

giovanni fenu

Università da incubo Il tuo metodo di studio è frustrante, lento e NON ti dà sicurezza? Non mollare...

Abbiamo 1000 giorni di lezioni gratuite: PDF Premium, test, Infografiche, Mega-guide  e video formativi.

  1. cercare le tecniche di memoria su Google. Trovi le stesse cose che sto per insegnarti in questa mega-guida, ma senza lasciare la mail e bombardarti di spam
  2. credere di poter studiare libri di 500 pagine solo usando le mnemotecniche. Le tecniche di memoria sono una cosa, studiare è un’altra.
  3. comprare un corso costosissimo che promette miracoli all’università con le tecniche di memoria, il Memory Palace e altre tecniche vecchie di 30 anni.

Tutte le tecniche di memorizzazione gratis

Lo sai che su MemoVia insegno anche le tecniche mnemoniche in modo del tutto gratuito. Tantissimi studenti ne sono super felici! Certo quelli più contenti sono coloro che fanno il Corso Base Gratuito MemoVia, ma questa è un’altra storia.

Quella che vediamo oggi è una delle mnemotecniche più famose, viene spesso chiamata anche ” tecnica della lista della spesa” o Link Method. E’ la base di ogni mnemotecnica successiva, ma non se ne discosta troppo.

Al di là delle liste della spesa, per cui esistono applicazioni che definirei simpatiche, trovo che per noi studenti sia decisamente più frustrante dover memorizzare liste infinite di termini, pezzi di informazione che poco o niente sembrano avere in comune gli uni con gli altri.

Imparare le tecniche per memorizzare una lista di parole è più facile di quel che sembri. Almeno da questo punto di vista le tecniche di memoria possono essere d’aiuto.

Prova la mnemotecnica che trovi qui di seguito.

Il più forte dei metodi per memorizzare le liste

Facciamo subito un esempio tipico di questi metodi per memorizzare, utilizzando una lista di 20 parole casuali, per imparare la mnemotecnica.

Ovviamente le parole usate sono semplici e facilmente visualizzabili, perché ci servono per imparare il procedimento.

Questo significa che se ti dico cervello immagini cervello, se ti dico camion immagini camion, se ti dico la parola astratta inclusione la cosa si fa più complicata.

Poco più in là impareremo a farlo anche con le parole astratte e con i termini difficili dei libri. Per ora vediamo come funziona.

Per iniziare, ci occorre sapere quanto è il nostro span di memoria, ovvero il numero di elementi che riusciamo a ricordare in ordine.

Prova innanzitutto il TUO metodo per memorizzare velocemente questa lista di 20 parole in ordine, il più in fretta che puoi! Questo significa che puoi usare i metodi di memorizzazione che preferisci (scriverle, ripeterle, ecc.).

Pronti? Vai!

  1. Balcone
  2. Serpente
  3. Salame
  4. Trapano
  5. Lampadina
  6. Miele
  7. Casco
  8. Sigaretta
  9. Patata
  10. UFO
  11. Uovo
  12. Tramonto
  13. Ombrello
  14. Panino
  15. DVD
  16. Topo
  17. Cintura
  18. Nave
  19. Banana

Domandona: quante parole riesci a memorizzare e ricordare in sequenza?

Una persona con una capacità mnemonica normale si ferma sotto le 10 parole, uno studente allenato può superare i 10 elementi di poco. Il metodo più usato è la ripetizione.

Non disperare e continua a leggere: tra pochi minuti sarai in grado di memorizzare liste con tutte e 20 le parole (e appena capito il meccanismo, molte di più!) con accuratezza estrema, senza sbagliarne neanche una e… persino al contrario, dall’ultima alla prima.

Ritorniamo al nostro tentativo, riuscito solo in parte, di memorizzare liste ed elenchi senza alcuna strategia. Stavolta però usiamo la mnemotecnica base per memorizzare liste e lunghi elenchi. 

Questa è una tecnica importante, semplicissima ma molto utile nella vita di tutti i giorni, talvolta nello studio e in tante occasioni lavorative.

Metodo memoria: memorizzazione veloce delle prime 5

D’ora in poi segui semplicemente ciò che leggi finché non vedi le immagini che ti suggerisco, un po’ come fossero un film sullo schermo... un film di cui però tu sei protagonista.

Le scene che vedrai saranno decisamente assurde e stupide, ma invece giudichiamo il risultato ok?

Partiamo da un balcone. Vedi il balcone di casa tua, o il primo balcone che ti viene in mente, magari c’è uno stenditoio con dei panni che ondeggiano al vento, oppure dei fiori e delle piante. Senti il vento sulla pelle e nei capelli, i rumori del traffico e dell’ambiente circostante.

Quando improvvisamente ti rendi conto che nel mezzo del balcone c’è… un viscido serpente, di quelli che si vedono nei documentari! Un enorme serpente a sonagli, sinuoso e freddo, con la lingua che si muove rapidamente, un serpente che sibila e muove la coda facendo vibrare il sonaglio, facendo ondeggiare tutta la ringhiera!

Ma guarda meglio questa coda del serpente a sonagli… è un rosso salame! E bello grosso anche! Un ottimo salame, quello che hai nel frigorifero o che hai mangiato l’ultima volta, profumato e grasso, pronto per essere affettato e mangiato col pane.

Infatti ti avvicini, prendi un bel coltello e lo affetti ben bene… solo che il coltello, per fare più veloce, è attaccato a un rumorosissimo trapano e ti lascio immaginare lo scempio del povero salame, tagliato col coltello attaccato al trapano!

Avvicini gli occhi al trapano,guarda la lucina del trapano acceso, prendi in mano la luminosissima lampadina, la prima che ti viene in mente, che ronza un po’ e che ti basta toccarla per renderti conto di quanto è calda, e infatti ti scotta tutte le dita.

Continuiamo ad applicare la mnemotecnica con altre 5 parole

Inutile dire che però sulle dita scottate senti una sostanza caldissima  e strana, che in effetti è assai difficile trovare su una lampadina.

In realtà la lampadina è ricoperta da del dolcissimo miele, che non so se ti piace o meno ma al momento non ci interessa, ci preme solo assaggiarlo e sentire quanto e dolce, e sentirne la viscosità sulle dita.

Avrai già capito che il miele viene da un grosso barattolo, come è normale… solo che il nostro barattolo viene usato come resistente casco da motociclista, liscio e con la visiera che va su e giù.

Ovviamente il casco sta in testa a un motociclista, di quelli da film con la barba lunga, gli occhiali da sole e il giubbotto in pelle.

Peccato che questo motociclista, anziché cavalcare una moto, cavalchi una grossa e fumante sigaretta elettronica, che corre a tutta birra sulle strade della California lasciando dietro di sé una scia di fumo.

Adesso guarda la parte gialla, il filtro della sigaretta… è proprio gialla come una patata!

Infatti è una patata bella grande, ti accingi a sbucciarla e ne esce fuori niente meno che un lucente e velocissimo UFO, che sfreccia via nel cielo col suo carico di alieni, anche essi verdi, o magari passa sopra un campo e crea un bellissimo cerchio nel grano.

Tra i metodi per ricordare non dimenticare il controllo

Scommetto che hai iniziato a capire il meccanismo delle tecniche per memorizzare liste ed elenchi, vero?

Il bello è che senza rendertene conto hai appena memorizzato una lista di 10 parole in modo praticamente indelebile. Non ci credi? Perché non fai una prova? Prima della parola ti darò un piccolo suggerimento, ma presto elimineremo anche quelli!

Siamo partiti da un balcone. sul balcone c’è un viscido …, la coda del serpente è un rosso …, il coltello usato per tagliare il salame è attaccato a un rumorosissimo …, la lucina del trapano è una luminosissima …, ricoperta da del dolcissimo …, esso è contenuto in un barattolo che in realtà  viene usato come …, indossato da un motociclista che guida una fumante …, il cui filtro è una gialla …, sbucciando la patata spunta un lucente ….

Non ho bisogno di scrivere di nuovo le dieci parole che, se hai seguito il film fatto finora, non puoi aver fatto a meno di ricordare. Te l’avevo detto di giudicare il risultato e non il metodo!

Che ne dici di continuare il nostro gioco mnemonico con le successive 10?

Eravamo rimasti all’UFO, giusto? Ebbene, si vede subito che dentro l’UFO c’ è un fragile uovo che ti basta prendere in mano per romperlo!

Senti il rumore del guscio che si frantuma, l’albume i scivola lungo le mani ma miracolosamente il tuorlo è ancora intatto… sembra proprio un caldo sole di un romantico tramonto. Lo vediamo scendere lentamente sull’acqua, sentiamo il calore sulla pelle e magari la sabbia della spiaggia sotto i piedi.

Infatti sei in riva al mare, il posto migliore per godersi un tramonto, però ti rendi conto che non è davvero acqua di mare quella che hai davanti… bensì del caldissimo ! Il tramonto infatti sta avvenendo su una mastodontica tazza di tè, la prendi in mano e lo assaggi.

Mentre lo assaggi il tè ti cade e per ripararsi c’è bisogno di un ombrello, che subito apri e chiudi, ne senti il rumore, ne noti il movimento veloce.

Guarda ora chi tiene in mano l’ombrello automatico: è un fragrante panino imbottito, lo tocchi e senti morbido, lo odori e ne senti il profumo.

Il panino, ovviamente, non può essere imbottito in modo normale: quando vai a morderlo senti sotto i tuoi denti frantumarsi un fragile DVD, senti il rumore del disco che si frantuma, vedi i lampi di luce che si riflettono sulla sua superficie.

Guarda bene al centro del DVD: è usato come salvagente da uno sporchissimo topo! Accarezzalo, vedi il lerciume sulle mani, senti il pelo sotto i polpastrelli, e lo stenti squittire.

E’ un topo in effetti strano, ha in vita una resistente cintura, la tua cintura preferita, che evidentemente ha rubato dal tuo armadio.

Tocca la cintura, prendila in mano e vedi muoversi sopra… una lussuosissima nave da crociera, con sopra tutti i turisti che salutano alla partenza.

Senti il suono della sirena della nave che saluta il porto ma… la ciminiera della nave è una banana! Prendila in mano, sbucciala e mordila, sentine il sapore e il profumo!

L’arte della memoria e metodi per memorizzare velocemente forse sono troppo meccanici

Hai visto come siamo diventati veloci verso la fine del nostro strano film?

Ora sei in grado di memorizzare liste con tutte e 20 le parole e, che tu ci creda o no, sei in grado di ripetere quella che abbiamo fatto insieme, avanti e indietro… e sarai in grado di farlo anche domani e dopodomani! Facciamo una prova definitiva?

Dentro la patata c’era un velocissimo e lucente …, nell’UFO trovi un fragile … il cui tuorlo fa parte di un romantico … che anziché sul mare avviene su del caldissimo …, il tè cade e ci vuole un … , lo tiene in mano un è un fragrante … imbottito con un fragile …  usato come salvagente da uno sporchissimo …, che in vita ha una resistente …, su cui vedi navigare una lussuosissima … e infine la ciminiera della nave è una profumata …!

Ora non ti resta che ricordare tutte le parole dalla prima all’ultima, senza alcun suggerimento! La prima era balcone.

Fantastico! E perché non provare a farlo al contrario? L’ultima parola era banana giusto?

Visto? Sembra incredibile ma memorizzare liste ed elenchi con le tecniche di memorizzazione è semplicissimo.

Metodi per memorizzare: come non studiare a memoria!

Questa tuttavia è solo una tecnica meccanica, utile a scopi ben precisi. Idem per tutte le stretegie di memorizzazione tipo la tecnica dei loci, la conversione fonetica e il Peg System.

Studiare sul libro non è come imparare a memoria una poesia, e le tecniche per ricordare una sequenza di parole o di numeri servono a ben poco.

In pratica, come ho detto mille volte, le tecniche mnemoniche non possono essere usate per studiare i concetti.

In ogni caso richiedono un grosso lavoro di elaborazione e sintesi prima di memorizzare, nonché l’uso di mappe mentali o concettuali o di schemi per riassumere quanto studiato dopo.

Insomma non è solo questione di come memorizzare velocemente. Bisogna studiare velocemente e non è la stessa cosa!

Probabilmente ti interessa imparare a ricordare, cioè studiare davvero e direttamente sui libri.

Quindi:

  • da un lato le strategie di memorizzazione per dati tecnici, parole difficili, straniere e astratte, numeri, formule, punti elenco, ecc.
    In questo le tecniche mnemoniche possono effettivamente essere utili.
  • dall’altro capire e ricordare i concetti con meno sforzo possibile.

Sostituire lo studio mnemonico con uno studio più efficace

Per superare prove, esami, test e concorsi o semplicemente per aggiornarti, usare delle tecniche di apprendimento è riduttivo e controproducente.

La mia proposta? Scegli se essere una persona:

A. Super Tecnica, che continua a imparare una mnemotecnica dopo l’altra, e alla fine si ritrova con le idee un po’ confuse su come applicarle ai libri
B. Super Intelligente. Dai uno sguardo alla pagina del Corso Base Gratuito MemoVia e capirai subito:

  • come studiare tante pagine in poco tempo
  • come ricordare le cose studiate
  • e come mai le testimonianze sono tutte di persone strafelici!

Puoi tranquillamente iniziare dal corso gratuito di 1000 giorni e cambiare radicalmente il tuo metodo di studio universitario.

Oppure comprare un videocorso da 1500 euro in cui ti insegnano esattamente le stesse cose. Ognuno dei propri soldi fa ciò che preferisce!

Pin It on Pinterest