Imparare tutte le tecniche di memoria gratis e iniziare a studiare davvero con un metodo

tecniche di memorizzazione gratis

So che ti piacerebbe tanto imparare tutte le tecniche di memorizzazione gratis

Da quanto ho iniziato a fare le mie ricerche sull’apprendimento, ho sognato di regalare a tutti i miei studenti le tecniche di memorizzazione gratis, la lettura rapida, i metodi di studio che funzionano davvero.

Cose che venivano vendute nei corsi fino a qualche anno fa, a cifre esorbitanti. E ancora in qualche videocorso.

Perché, vi chiederete.

Perché ho sentito spesso parlare delle tecniche di memoria come qualcosa di miracoloso, con cui è possibile memorizzare mazzi di carte, numeri, liste di parole, ecc.

La promessa è: basta uno sforzo iniziale per imparare a usarle e un po’ di costanza per renderle fluide, ed ecco che siamo in grado di compiere anche noi le stesse magie.

Per i motivi che spiegherò più avanti, nel 2005 ho abbandonato le tecniche di memoria “fatte male” e inventato il mio Sistema, perché ormai avevo  imparato a studiare davvero.

In ogni caso ho potuto permettermi di dare le tecniche di memorizzazione gratis, all’interno del Corso Base Gratuito MemoVia. Come avevo promesso, le trovi le lezioni elencate in questa mega-guida.

Metodo apprendimento veloce: studiare con le tecniche di memorizzazione gratis

Come dicevo, le mnemotecniche per studiare vengono spesso usate per tutt’altro: ricordare liste di parole, che rimandano a oggetti, chiari, conosciuti; gli oggetti sono ben ordinati e tutti importanti allo stesso modo.

Viceversa, quando studiamo da un libro o da appunti dobbiamo innanzitutto capire ciò che leggiamo, poi decidere cosa è importante e cosa no e solo alla fine cercare di ricordare il tutto all’interno di un discorso ben articolato.

In questa situazione le tecniche di memoria, se usate male, possono essere non solo poco utili, ma persino dannose, perché imparare a usarle richiede tempo e fatica.

giovanni fenu

Università da incubo Il tuo metodo di studio è frustrante, lento e NON ti dà sicurezza? Non mollare...

Abbiamo 1000 giorni di lezioni gratuite: PDF Premium, test, Infografiche, Mega-guide  e video formativi.

E’ per questo motivo che spesso le persone le applicano durante un corso o leggendo un libro di quelli che si trovano in libreria, e dopo pochi giorni di uso le abbandonano (giustamente) etichettandole come meccaniche e poco pratiche.

In rete puoi leggere sui corsi di memoria e lettura veloce opinioni contrastanti: qualcuno le osanna come la soluzione a ogni problema degli studenti, altri si rendono conto dopo un po’ dei limiti.

Anche io sono del parere che i limiti ci sono eccome, soprattutto nello studio di concetti per gli esami universitari.

Lo vediamo dopo. Prima ti devo dire una cosa:

Perché ho deciso di insegnare tutte le tecniche di memorizzazione gratis

Per questo motivo ho radunato nelle nostre Guide un intero corso di memoria e lettura veloce gratis.
Così abbiamo la possibilità di:

  • sperimentare insieme tutte le tecniche, nel dettaglio
  • fare esempi specifici sulle varie materie
  • valutare se e quali strategie di lettura veloce e memorizzazione fanno al caso nostro
  • risparmiare un sacco di soldi

Puoi provare da te con le mega guide che ho scritto finora sul Blog MemoVia, e che vanno a costituire il nostro corso di memoria gratis:

  1. L’associazione
  2. La tecnica per memorizzare liste ed elenchi
  3. La tecnica del Memory Palace, anche detto Palazzo della Memoria o Palazzo Mentale
  4. Le mappe mentali
  5. Le migliori Tecniche di lettura veloce gratis  (e adatte agli studenti)

Su questo sito trovi solo le tecniche che funzionano davvero, senza fronzoli, roba complicata e promesse magiche che spesso ho trovato nei corsi di memoria.

Ovviamente, come promesso, non finisce qui. Non possiamo pensare che la logica associativa (ovvero l’uso di immagini per ricordare le informazioni) basti per studiare interi libri universitari.

Mi spiego.

Perché dovresti imparare le tecniche di memorizzazione gratis?

Innanzitutto, perché sono gratis.

Anche se credi di avere strategie di studio abbastanza efficaci (come ad esempio ripetere o fare riassunti dettagliati), avrai già notato quanto tempo impieghi e quanta fatica fai nella maggior parte dei casi.

Usare qualche tecnica di memorizzazione per studiare meglio può essere necessario.

Molti di noi scoprono le mnemotecniche tramite libri o formatori (spesso neanche laureati) che sanno quanto può essere attraente per uno studente dire di aver preparato tutti gli esami in una settimana, superato a pieni voti un esame al mese o aver ricevuto 30 proposte di lavoro subito dopo un loro corso.

Semi-convinti, all’inizio gli studenti le usano su materiali pre-impostati come lunghi numeri, liste di parole e termini singoli: si stupiscono di riuscire a memorizzare alcune cose in modo più facile e veloce di altre.

Purtroppo poi però si scontrano coi libroni da studiare, fatti di concetti complessi e informazioni non organizzate, e capiscono tutto di colpo che le storielle non possono essere la soluzione.

Non ho capito! Queste tecniche di memorizzazione funzionano davvero o no? E sono sufficienti?

Certo che sì!

A scuola ci hanno detto mille volte: “Leggi e ripeti, così si studia”.

I nostri insegnanti non conoscevano ancora le ricerche scientifiche degli ultimi 20 anni, che dimostrano quanto il cervello è bravo a memorizzare immagini e storie: infatti ricordiamo benissimo i film, anche nel dettaglio, ma abbiamo bisogno di più tempo per memorizzare i nomi di una decina di persone appena conosciute.

Allo stesso modo, le tecniche di memoria si basano sull’associazione: ciò significa trasformare ciò che leggi in immagini, l’unica cosa che il nostro cervello è in grado di ricordare con sicurezza.

Il segreto delle tecniche sta tutto nel trasformare qualunque cosa tu legga in immagini concrete, sfruttando creatività e memoria visiva, che nel cervello umano possono essere molto potenti.

Lo so, sembra complicato farlo con tutto un testo, soprattutto se pieno di parole astratte o termini tecnici. Diciamo che a primo impatto può essere strano, anche perché è una cosa nuova.

Ma poi, quando si impara, si prende facilmente il ritmo, basta sapere come fare.

Come studiare un libro universitario con un metodo di studio che funziona

corsi memoria
Ok, con queste tecniche accendi la memoria il tanto che ti serve per studiare le informazioni di dettaglio. Tuttavia dico sempre che questo non basta.

Anziché usare la lettura rapida e le mnemotecniche per studiare, durante i corsi gratuiti propongo sempre un procedimento che, se usato correttamente e passo passo, garantisce buoni risultati già dal primo uso sui propri libri.

Segui alla lettera questi passaggi:

1. Studia solo quando ti senti nella condizione di farlo, non forzarti mai. Lascia perdere fantomatiche tecniche di motivazione, costruzione degli obiettivi e concentrazione.

Non chiedere al tuo cervello più di ciò che è in grado di fare.

2. Leggi ed elimina ciò che non è importante ai fini dell’esame, compito in classe, interrogazione.

Studia solo il necessario, che è poi quello che ti verrà veramente chiesto.

3. Procedi per piccole parti (es. un paragrafo) e subito elaborale, cioè cerca di capirle al massimo e di farle tue. Quindi dovrai essere in grado di spiegarle in modo molto semplice e breve.

4. Fai un piccolo segno accanto alla parte da ricordare.

Così. durante il ripasso, saprai che in quella “zona del libro” c’è qualcosa che hai elaborato, mentre le altre sono trascurabili.

5. Alla fine dello studio, ricontrolla SEMPRE ciò che hai studiato e fai così anche dopo circa 24 ore.

In questo modo verificherai di aver elaborato le parti giuste e di non aver saltato niente di importante

Tecniche di memorizzazione gratis: sono una soluzione?

Come dicevo prima ho studiato tutte le tecniche di apprendimento veloce e lettura rapida, tutte le tecniche di memorizzazione possibile, NON GRATIS ovviamente.

Fra corsi in Italia e all’estero, videocorsi e libri ho speso un patrimonio, ve lo giuro. E sono diventato un mago, tanto che ci ho preso con facilità la prima laurea e ho iniziato a insegnarle in piccoli corsi in Italia.

Usare le mnemotecniche per studiare, per qualche tempo, mi ha fatto sentire un Dio.

Eppure, dopo poco tempo che usavo le tecniche per studiare all’università, e soprattutto quando le ho insegnate, mi sono però reso conto delle grandi differenze tra un libro e una lista di parole.

Alcuni problemi delle tecniche di memorizzazione

Nel Sistema MemoVia non uso (e non insegno) le tecniche di memoria.

Come dicevamo prima, giustamente molte persone non si fidano ad applicarle, per diversi motivi:

1. Non si risparmia tanto tempo: occorre un lavoraccio per trasformare i dati da ricordare in immagini.

2. L’ansia resta: non basta sapere i “titoli” degli argomenti né le sole informazioni di dettaglio per superare un esame. Occorre sapere i concetti e i dati, in un tutt’uno completo e chiaro nella tua testa. Da questo punto di vista le tecniche non aiutano, per il motivo seguente.

3. Studiare non è un campionato di memoria: Come saprai, le tecniche vengono insegnate da partecipanti ai “Campionati di memoria”, che li hanno visti impegnati a memorizzare date, numeri, carte da gioco…

Secondo te è la stessa cosa che studiare sui tuoi libri?

4. Il più grande difetto delle tecniche è che non possono essere adottate direttamente sul libro: occorrono delle fasi preliminari di selezione, organizzazione e comprensione del testo… e una fase successiva di ri-organizzazione e scrittura, che spesso viene fatta usando le mappe mentali o concettuali (ne parleremo in una delle prossime mail).

Le tecniche di memorizzazione gratis possono essere una parte del tuo studio

Ho parlato con tantissimi studenti efficaci, ciascuno col proprio metodo

La sorpresa più grande? Gli studenti più efficaci non hanno alcun bisogno di usare continuamente le tecniche di memoria. Hanno sviluppato appunto un metodo di studio personale (proprio come ho fatto io col Sistema MemoVia durante la mia prima laurea) e usano quello tutti i giorni.

Così, come dicevo prima, ho deciso di regalare a voi lettori tutte, ma proprio tutte, le tecniche di memorizzazione che conosco.

E in più, di regalare anche un metodo di studio che vada bene per affrontare già da domani lo studio universitario, per il test di medicina e i concorsi.

Questo mi permette di evitarti le spiacevoli sorprese che hanno tutti quelli che si affidano ai costosissimi metodi e tecniche di apprendimento veloce.

La tua scelta di NON fare un corso per la memoria, usare tecniche di lettura veloce, mappe mentali e mappe concettuali

Riassumendo la nostra mega guida introduttiva alle tecniche di memorizzazione gratis, dipende tutto da cosa vuoi studiare.

Nonostante tutte le obiezioni viste prima, credo che presentarti le tecniche di memoria nelle mail riservate agli iscritti possa essere una buona soluzione: le mie sono personalissime opinioni, quindi preferisco che sia tu a provarle e decidere, con la tua testa, se vale la pena o meno usarle.

Tuttavia, non credo che il tuo obiettivo sia memorizzare informazioni singole, per poi metterle su carta usando disegni, colori e grafici… Questo è tutto ciò che viene insegnato nei corsi di memoria lettura veloce e simili.

E’ per questo che ho creato il Corso Base Gratuito MemoVia: per superare sia i metodi di studio tradizionali (sottolineare, riassumere, ripetere, fare schemi) sia quelli più “innovativi” ma, a mio parere, poco funzionali (tecniche di memoria, mappe mentali, ecc.)

Nella mia esperienza, gli studenti hanno bisogno di apprendere un Sistema di studio che aiuta di memorizzare uno o più libri, senza scrivere o disegnare, facendo affidamento solo sulla mente.

La tua testa è ciò che avrai con te durante l’interrogazione, l’esame, il test o il concorso.

Per me usare le mnemotecniche per studiare è un po’ il passato, non il futuro. Valuta da te.

Pin It on Pinterest