Perché tutti vogliono iscriversi alle Università Telematiche

università telematiche

Perché tutti vogliono andare alle Università telematiche (e altrettanti le criticano)

Sono SORPRESO anche io da questa esplosione delle università telematiche.

“Giovanni non esagerare, non ci vogliono andare tutti tutti…”

Ah no?

65 mila iscritti. Il 72% provengono dalle Statali.

In pratica chi ci si iscrive?

– chi si ROMPE LE SCATOLE del malfunzionamento delle uni classiche
– i lavoratori che non riuscirebbero a conciliare lezioni ed esami con la propria professione o col lavoro dipendente
– chi ha interrotto gli studi per problemi famigliari o di soldi
– le persone più avanti con gli anni e che vogliono riprovarci, inseguire un SOGNO nel cassetto, ritrovare una passione

Prima c’era solo la UniNettuno, ora sono 11 atenei e alcuni sono veramente forti.
La Marconi da sola, per esempio, ha 30 mila iscritti, il numero più alto tra le università telematiche.

Ma perché funzionano?

Alcuni dicono che studiare alle telematiche è più FACILE.

In effetti offrono spesso ci sono slide, riassunti e la semplificazione degli stessi libri.

giovanni fenu

Università da incubo Il tuo metodo di studio è frustrante, lento e NON ti dà sicurezza? Non mollare...

Abbiamo 1000 giorni di lezioni gratuite: PDF Premium, test, Infografiche, Mega-guide  e video formativi.

Altri fanno il confronto con le ARRABBIATURE che si sono presi nelle facoltà statali.

Così puntano tutto sulle lezioni comode, i prof puntuali e disponibili, i materiali chiari e sintetici, le date d’esame che non cambiano all’ultimo.

Pro e contro delle università telematiche: è vero che valgono meno delle statali?

Mi lascia un po’ di DUBBI chi sostiene che una laurea telematica non è come una normale.

Se studi online e ti senti dire una cosa del genere, ti viene il sangue alla testa.

Più che altro per i SACRIFICI che fai:
1. integrare studio e lavoro non è affatto semplice
2. studiare alle telematiche costa
3. alcune telematiche sono proprio toste secondo me

A proposito di studiare e lavorare contemporaneamente, ho scritto una guida che si chiama appunto:

Come studiare e lavorare contemporaneamente senza impazzire

Fa parte dei materiali riservati agli iscritti al Corso Base Gratuito MemoVia.

Credo che l’esperienza sia davvero ESALTANTE: riuscire a inseguire le proprie passioni, sbloccarsi, riscattarsi, cambiare lavoro.

Essere studenti lavoratori, anche alle università telematiche, dà una gioia immensa, soprattutto quando dai un esame in mezzo a mille difficoltà, ritardi e contrattempi. E ti dici “sono stato grandioso”!

Ritenete che una laurea presa nelle università telematiche sia più facile o meno valida?

Pin It on Pinterest